Mountain Peak Platform Top of Tyrol

by LAAC Architects

Negli ultimi anni sono state create una serie di piattaforme di osservazione che tentano, in modi diversi, di confrontare il visitatore con le bellezze della natura.

Questa piattaforma panoramica è stata commissionata dalla direzione di una delle cinque piste sciistiche del ghiacciaio austriaco.

Come la maggior parte dei suoi concorrenti, la direzione è intenzionata a mantenere un’attrattiva di alto livello nella sua regione sciistica.

A un’ora di auto da Innsbruck, il ghiacciaio dello Stubai offre una grande varietà di scalate ed escursioni in montagna. L’obiettivo del nuova piattaforma è quindi principalmente il rilancio del turismo estivo.Durante la stagione invernale si può accedere alla piattaforma, condizioni meteorologiche permettendo.

In quanto ingegneri strutturali, siamo stati incaricati direttamente del progetto. Il cliente si è fidato completamente del nostro team e gli ha  pienamente consentito di attuare un design innovativo.

La stazione montana di Schaufeljoch, a 3180 metri sul livello del mare, è raggiungibile tramite la stazione a monte. Il percorso verso la cima della montagna parte dalla funicolare. Si sale una serie di scalini fino alla cresta che conduce al Grande Isidor. Dopo altri 70 metri a piedi attraverso il paesaggio naturale si arriva alla piattaforma.

Il grande Isidor è posizionato centralmente nel ghiacciaio dello Stubai e si divide in una metà occidentale e una orientale. Solo creando l’accesso è stato possibile offrire una vista panoramica che permetta allo spettatore di cogliere le dimensioni del paesaggio. La posizione unica della piattaforma apre una vista aperta sul ghiacciaio permanente e le 109 cime alte fino a tremila metri delle Alpi tirolesi. Il panorama mozzafiato a 360 gradi si estende dalle Alpi dello Zillertal e dello Stubai alle Dolomiti. La piattaforma invita il visitatore al riposo e a godersi la pace e la bellezza delle montagne.

“In quanto clienti, volevamo creare un luogo dello spirito in cui, benché stressati, gli alpinisti potessero trovare la pace e recuperare, mentre i loro pensieri vagano, godendo delle distese apparentemente infinite del mondo della montagna”, afferma Reinhard Klier, capo della Stubai Gletscher Bahn. L’osservazione del ghiacciaio durante i mesi estivi con un occhio critico ai cambiamenti climatici con il conseguente scioglimento del ghiacciaio è un’esperienza interessante benché toccante”.

Per quanto insolito possa sembrare il panorama dalla piattaforma, è cruciale la domanda relativa alla soluzione del problema dell’invasione della natura o dello spazio naturale. La piattaforma è da intendersi come un riflesso e, nello stesso tempo, come parte dell’ambiente naturale.

In questo caso l’obiettivo del progetto  era più la progettazione di una situazione nello spazio che di un edificio. La piattaforma panoramica sul Monte Isidor è un disegno nella neve, un’architettura che si configura come passeggiata e come trasformazione di una cresta. Per il suo alto contenuto di ferro, la roccia ha una tonalità rossa. È chiaramente strutturata e seghettata, cosa che le conferisce un carattere unico. La scelta dei materiali sottolinea il contrasto con le strutture in acciaio zincato della regione sciistica circostante.

La piattaforma è una struttura in acciaio resistente agli agenti atmosferici. Il principio costruttivo della griglia della trave è una griglia non strutturata. Le “spade” prominenti e attorcigliate in lamiera d’acciaio corten sono lame a sezione rettangolare con uno spaccato triangolare. Le travi in piedi sul retro delle basi sono supportate da strisce di rinforzo. Tra i supporti alti 50 cm c’è il pavimento a griglia. La ringhiera ad arco è monolitica. Il corrimano e la panca sono fatti di legno di larice e il  riempimento è costituito da una rete in acciaio inossidabile. Il carico viene trasferito alle fondazioni e ai catenacci di roccia .

La piattaforma si trova nell’area permanentemente ghiacciata delle Alpi. Questo richiede che le fondamenta siano rinforzate da ancore di roccia lunghe 15 m nell’area di carico e da fondamenta in cemento armato su cui la struttura riposa. Le spade in acciaio sabbiato resistente alle intemperie si estendono per 9 m oltre il limite roccioso. Tutto considerato, sono stati impiegate 19 tonnellate di acciaio corten, 60 m2 di griglia e 50 m di corrimano in legno di larice con rete in acciaio inossidabile.

La struttura è stata eretta esclusivamente tramite elicottero. Quindi ha dovuto essere adattata ai limiti di carico dell’elicottero mentre il perfezionamento delle superfici di montaggio e la precisione dell’idoneità  erano aspetti essenziali del miglioramento del design.

Un livello elevato dello standard di prefabbricazione, superfici semplici da montare, l’accuratezza dell’adattamento sono criteri essenziali per la costruzione di un edificio a 3200 metri sul livello del mare.

Poiché l’installazione del cantiere, le opere in cemento e il montaggio di tutte le componenti dell’edificio dovevano essere realizzati con l’elicottero, le condizioni meteorologiche hanno ovviamente avuto una notevole influenza sulla pianificazione e l’esecuzione.

 

Project Mountain Peak Platform Top of Tyrol

Site Mount Isidor – Stubai glacier in Tirol, Austria. 3200m. Accessible by cable car [8h – 16h]

Client Wintersport Tirol AG & Co, Stubaier Bergbahnen KG

CEO Reinhard Klier T 0043 (0)512 59500

Commissioning direct order, private client

Start of Design 06/2008

Start of Construction 05/2009

Completion 09/2009

Material Weather resistant steel, Larch handrail,

Stainless steel net, grate

Design LAAC Architects

Arch DI Kathrin Aste, Arch DI Frank Ludin

Assistant: DI Thomas Feuerstein

LAAC zt-gmbh

Kathrin Aste, Frank Ludin

6020 Innsbruck, Austria

Wilhelm Greil Straße 15

T 0043 (0)512 890335

F 0043 (0)512 89033520

E office@laac.eu

Photography LAAC Architects