ANTEPRIMA n. 2/2018
A proposito di shopping centres

by editorial staff

DESIGN INTERNATIONAL
INAUGURA IL “DI CAMPUS” E PRESENTA “MOTION BUILDINGS, MEETING PLACES”, LIBRO EDITO DA MONDADORI ELECTA DEDICATO AL RETAIL ARCHITECTURE DI DESIGN INTERNATIONAL

Milano, 20 giugno 2018 – Design International, il pluripremiato studio di architettura diretto da Davide Padoa, Paul Mollé e Lucio Guerra, inaugura il “DI CAMPUS”, uno spazio di quasi 900 mq con un’area “Theatre” che può accogliere fino a 50 persone, nel quartiere Bicocca.
Non solo una nuova sede per Design International, ma un progetto più ampio: un polo di ricerca in cui studenti e giovani architetti potranno confrontarsi e affinare le loro skills, in collaborazione con università e atenei specializzati.
Il libro “Motion Buildings, Meeting Places. Dagli acquisti all’ospitalità: la mutazione dei grandi centri commerciali” edito da Mondadori Electa e scritto da Luca Masia e Peter Clucas, è dedicato a Design International, nata nel 1965 a Toronto, e ai suoi tre soci Paul Mollè, fondatore dello studio, Lucio Guerra COO e Davide Padoa CEO che si raccontano, con i loro percorsi individuali e i progetti comuni, svelando ciò che ha reso i loro edifici le nuove icone internazionali dell’architettura e del commercio.
Alla presentazione del libro è intervenuto il Prof. Emilio Bellini, Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Digital Innovation in Retail, School of Management Politecnico di Milano con un momento di riflessione per analizzare le trasformazioni che stanno cambiando il mondo del retail: “La natura dell’impresa retail è oggetto di grandi trasformazioni. Da un lato gli Original Brand Manufacturer investono sempre più su negozi di proprietà pur di avere una relazione diretta e intima con i propri clienti. Dall’altro la progressiva “amazonizzazione” del commercio sta riducendo gli spazi per i retailer tradizionali capaci di offrire solo servizi di intermediazione ai propri clienti. In questo contesto di profonda innovazione dei servizi erogati dalle imprese retail, gli spazi fisici assumono un ruolo decisivo: non più semplici luoghi di showrooming o di prova e accesso fisico ai prodotti, ma anche luoghi di apprendimento, di intrattenimento, di condivisione di interessi, di incubazione di attività culturali e imprenditoriali”.
“Conta di più il raggiungimento del traguardo o il percorso che facciamo per raggiungerlo?- ha aggiunto Davide Padoa Chief Executive Officer di Design International- La risposta a questo quesito porta in grembo come il retail si stia trasformando oggi. Non è più il consumo il fattore guida di chi si occupa di progettazione e sviluppo. Sono ‘experience’, ‘engagement’ e ‘hospitality’ i nuovi valori che, se gestiti con umiltà e autenticità, creano un dialogo fluido tra un edificio, un luogo e il pubblico che lo abita, lo visita, lo scopre. Quando viaggi, non ti limiti a ricordare dove sei andato ma cosa hai scoperto e vissuto del luogo che hai visitato e con chi hai condiviso la tua esperienza. I nostri progetti studiano il movimento delle persone, le loro abitudini. Per questo progettiamo Motion Buildings, Meeting Places. Strutture aperte
all’ambiente, alle persone. Di qui la scelta di aprire anche il nostro studio DI Campus a chi, come noi, basa il proprio futuro sulla ricerca”.
Situandosi in un contesto di archeologia industriale, il DI CAMPUS, mantiene inalterate le caratteristiche compositive e materiche del fabbricato preesistente ed esalta differenti peculiarità come gli impianti e i mattoni a vista e lo skylight a shed. Situato all’ultimo piano, è un open space e un ambiente innovativo in cui le persone possono lavorare in maniera flessibile. Sono state create apposite aree per promuovere e incoraggiare la condivisione di conoscenza e idee, come il Theatre, nel quale si possono svolgere e ospitare workshop. La grande terrazza è un altro elemento chiave, reso ancora più accogliente e familiare da un “Orto Urbano”.
La nuova sede è pensata quindi come una “fabbrica di design” con l’obiettivo di creare:
• contaminazioni disciplinari (Architecture, Industrial Design, Interaction Design, Philosophy, Marketing & Communication);
• sperimentazioni di nuovi format (Retail Concept, Masterplan di Spazi pubblici, fruizione esperienziale, ecc.);
• esperienze formative come “workshop”, in spazi appositamente studiati per la condivisione;
• progetti di tesi con studenti provenienti da scuole di design internazionali.

Design International
Fondata nel 1965 a Toronto, Design International ha costruito negli anni una solida reputazione nel campo del design, in particolare nell’ambito della retail architecture. È pioniere, infatti, di alcuni tra i più innovativi concept architettonici, come la realizzazione di mall con coperture in vetro che privilegiano l’uso della luce naturale (Bugis Junction, Singapore) e la realizzazione del primo mall che combina al suo interno retail ed entertainment come CocoWalk, in Florida. Grazie a una profonda conoscenza del campo retail, lo studio lavora oggi a progetti che abbracciano molteplici settori, tra cui mixed-use, residenziale, hôtellerie, hospitality, stazioni e nodi di interscambio. Attualmente Design International sta sviluppando importanti progetti in Europa, India e Medio Oriente, e sta curando la realizzazione di nuove strutture mixed-use in Cina. Oltre alla sede centrale di Londra, Design International vanta uffici a Milano, Shanghai, e da poco Dubai, presso il Dubai Design District (d3). La crescita dello studio continua rapidamente e recentemente gli uffici di Milano sono stati trasferiti nella nuova prestigiosa sede, nel quartiere Bicocca nell’ex edificio di Breda e Pirelli. Qui il DI Campus crescerà, promuovendo lo scambio di idee e di know-how con le future generazioni di designers.
Ufficio stampa Design International Italia:
NIC nuove idee di comunicazione t. +39 02 3653 5859
Paola Nicolai paola.nicolai@nicpr.it m. +39 335 8056 962
Claudia Celada claudia.celada@nicpr.it m. +39 335 7066765